• Numero verde: 800 904 111
  • lun-ven 9:30 – 12:30 | 14:30 – 17:30

  • News
  • Evoluzione Aziendale

I lavori del futuro, come cambieranno nei prossimi anni.

23/12/2020

Entro il 2025 emergeranno 97 milioni di nuove occupazioni lavorative più adatte alla nuova divisione del lavoro tra uomini , macchine e algoritmi. I ruoli che si stanno sviluppando maggiormente sono i data analyst, ingegneri specializzati in robotica e specialisti AI.

I “lavori del domani” dimostrano anche l’importanza continua dell’interazione umana attraverso ruoli nel marketing, nella vendita e nella produzione di contenuti. Gli ingegneri, i ricercatori e le persone esperti in marketing di oggi potrebbero essere i data scientist di domani, poiché la crescente automazione sconvolgerà il panorama occupazionale nei prossimi 5 anni.

Secondo i dati raccolti da Linkedin, Coursera e il World Economic Forum in time Future of Jobs Report 2020. Si stima che, entro il 2025, 85 milioni di posti di lavoro potrebbero migrare a causa di un cambiamento nella divisone tra l’uomo e le macchine.

Ma a questa interruzione dell’occupazione viene controbilanciata dalla creazione di posti di lavoro in nuovi settori. Nei 15 settori industriali analizzati si stima che circa 97 milioni di persone potranno impiegare posti di lavoro nei nuovi ruoli che si adattano meglio alla nuova divisione del lavoro tra persone, macchine e algoritmi.

“Nel prossimo decennio, una quota non trascurabile di nuovi posti di lavoro si troveranno a trasformare i loro compiti in occupazioni completamente nuove o in occupazioni già esistenti che subiranno trasformazioni significative in termini di contenuto e di competenze richieste dal mercato” afferma il report di Linkedin.

Lavori del futuro.

I ruoli che crescono nella domanda del mercato del lavoro includono data analyst, specialisti di IA e machine Learning, ingegneri robotici, web developer e nel campo digitale.

Alcune di queste professioni emergenti saranno spese più facilmente nei vari settori commerciali rispetto ad altre.

Queste includono i dati e AI, lo sviluppo del prodotto e il cloud computing, dove le transizioni “non richiedono una piena corrispondenza di competenze tra la fonte e la destinazione di occupazione” sempre secondo il report.

Tuttavia; scrivono Karin Kimbrough, Chief Economist, e Allen Blue, Product Management su Linkedin alcuni lavori del domani rimangono più “chiusi” e tendono ad assumere personale con competenze molto specifiche. Questo perché sono tipi di lavoro consolidati e il mercato del lavoro ha avuto il tempo di costruire canali di talenti specifici per questi ruoli.

Lo sviluppo dei prodotti, analisi dei dati e l’IA sono nuove professioni in continua evoluzione all’interno del mercato del lavoro. I dati di Coursera mostrano che è comune peri i lavoratori che migrano su un tipo di lavoro dove si analizza tramite dati e AI, che non abbiano specifiche competenze chiave in data science, ma che è possibile padroneggiare tali competenze come la programmazione statistica, entro un lasso di tempo consigliato di 76 giorni di apprendimento.

Capacità di autogestione

I posti di lavoro del futuro prossimo portano all’adozione di nuove tecnologie; la crescente domanda di nuovi prodotti e servizi; mostra, però, anche la continua importanza dell’interazione umana nella new economy ,attraverso ruoli nel marketing, nella vendita e nella produzione di contenuti e altri ruoli che richiedono capacità di comunicazione più “easy”. I lavoratori stanno, però, cercando di formarsi per migliorare alcune skills  e per accrescere costantemente il proprio sviluppo personale e le proprie competenze di autogestione.